Posts Tagged ‘Piazza Castello’

Cio che fai non serve

4 Comments »

Non hai coraggio d’ammetterlo. Cosa? Che non ti piace, ciò che fai non ti piace. Ma che dici? Ho studiato per questo. Sì, tu hai studiato; ma per fare la bella vita. Ora cosa ti tocca fare? E che avrei dovuto fare? Leccare il culo per guadagnare qualche euro in più? Ma no, avresti dovuto liberare la tua creatività, essere te stesso senza preoccuparti di sopravvivere. Oggi, ne saresti felice. Io? Oggi sarei un fallito, vuoi dire. E non è il caso che tu lo sia già? Guardati bene dentro. Ciò che fai non serve. E’ questo, il vero fallimento.


No, fottiti

No Comments »

Che poi no, non cominciamo eh? Io ho soltanto detto che tutto questo tepore silenzioso ci addormenta. E no, caro il mio pezzente: tu stai insinuando che qui non si faccia nulla. E’ per questo che mi dai del pezzente. Be’, no… certo, ma tu non rispetti la mia indipendenza. L’indipendenza ce la si conquista con l’autorevolezza. E perché, tu ti illudi ancora che l’autorevolezza esista? Ma fammi il piacere, sei uno stupido. La grandezza degli stupidi è illudersi di essere degli eroi. E tu credi di esserlo? Per me resti un eroe del cazzo. Con decenza parlando? No, fottiti.


Sai, siamo assicurati

No Comments »

Ci bloccarono di fronte, ma doveva essere un po’ che ci seguivano. Avevamo tredici anni, credo sembrassimo molto sprovveduti. La siringa ce la mostrarono sporgere fuori da una tasca. La strada era un affollato sabato pomeriggio. Eppure noi li seguimmo, ipnotizzati. Gli demmo tutto ciò che avevamo. Poche lire, credo non più di cinquantamila. Tremammo a lungo, fino a quando non sopraggiunsero i genitori di Alfredo. Quel giro in centro finì in una stazione dei Carabinieri, nella periferia. Lì osservai la seconda rapina. La madre di Alfredo lo costrinse a denunciare il furto immaginario di un orologio. Sai, siamo assicurati.

Torino - Caserma Cernaia

->Torino, Caserma Cernaia – Ore 8 a.m.<-


Al resto pensa la retorica

No Comments »

La tirannide non nasce nelle stanze della politica. E’ nei nostri comportamenti acquiescienti. Cresce tutte le volte in cui diciamo sì senza essere d’accordo, rinunciando a sanzionare comportamenti che non condividiamo moralmente. Di questa debolezza, gli Italiani sono professionisti. A tutto troverebbero una scusa, soprattutto se si tratta di difendere un fuorilegge. L’arrendevolezza con cui gratificano i potenti affonda in secoli di dominazione straniera: da quando sono liberi non hanno fatto altro che cercare un dittatore. Al resto pensa la retorica. Gli Italiani brava gente, la grandezza di Roma e il cuore di mamma. Poco importa, se la Patria muore.


Eravamo cinque

No Comments »

Gli studenti sfilavano fra nasi rossi e arnesi di cartone. Il sole abbagliava una foglia d’insalata. Un marocchino ci lusingava invano. Eravamo cinque. ognuno chiuso in un cammino spezzato. Berto sarebbe rimasto senza lavoro. Era sempre parso il più sicuro, ma nascondeva una mite debolezza. Ora rifiutava l’inevitabile. Diceva che non avrebbe cercato. Mentiva, provava vergogna. La sua era la rabbia di mille. Lo guardammo consapevoli dell’abisso. Eravamo una generazione buttata via. Pensandoci ritornammo esausti al nostro stallo. Gli occhi si posarono su inconsapevoli parassiti. Valevano meno della metà e guadagnavano più del triplo. Godevano, finché la vacca aveva latte.

Viva i lavoratori (del mare). #primomaggio

Viva i lavoratori (del mare)


Fugge dietro uno schermo

No Comments »

Rompo il muro che mi separa da un amico perduto. Mi sforzo di cominciare la stagione del disgelo. La sua parola fluisce come un tempo, ma non mi segue con lo sguardo. Fugge dietro uno schermo. Costruisce scenari catastrofici. Lamenta l’assenza di un’alternativa. Ricordo come le sue profezie di sventura abbiano spinto la nostra divisione. Eppure, riconosco la lucidità dei suoi ragionamenti. Sembra vedere le cose con ardita prospettiva. E manifesta il timore che nessuno confessa: guerra. La vive come un irrisolto destino. La accarezza nel dubbio novecentesco del Nazismo. Condivido le sue paure, ma non più fino in fondo.


Macchine da shopping

1 Comment »

Ti salutano, ma non ti guardano più. Sono troppo impegnate a muovere gli occhi senza smontare il trucco. Reclinano la testa. Fingono di sorridere, perché ti stanno passando allo scanner: cercano di capire in un paio di secondi la profondità delle tue tasche. Stringono tutte la stessa borsetta, si eccitano di delizia immaginando un contratto a lungo termine. Auto di lusso, vacanze in barca, regali sulla Quinta, badante rumena e amante africano; non importa se non sei un calciatore. Non ti resterà più molto tempo quando si copriranno di rughe e ti appariranno per ciò che sono. Macchine da shopping.