Posts Tagged ‘Galleria Umberto I’

Nella distruzione dell’io

No Comments »

Mi vennero incontro tutti e cinque. Sedevo su un ceppo d’ulivo: la campagna si illuminava in lontanza, fino al mare. Il primo mi disse di andare a Nord, perché vivevo in un Paese ingiusto. Il secondo mi chiese di restare, per conservare un desiderio. Il terzo non mi parlò, secondo lui ero colpevole. Del quarto non direi, mi parve aggressivo e indifferente. Il quinto mi fece ingoiare una zolla di terra. Mi chiesi come avrei fatto, a portarmeli appresso. L’uno non avrebbe accettato le scelte dell’altro, se non quando avesse identificato un nemico fuori dal mio corpo. Nella distruzione dell’io.


La pochezza del soldo

No Comments »

Io che non conosco rabbia, che paio così calmo. Ora sprofondo nella collera. E’ un accesso brutale che violenta la bontà altrui. Un buco nel cervello, un frammento spezzato d’identità. Annuso messaggi che mi molestano, smorti telegrammi di mediocrità. Soffiano sulla pelle come uno scroscio di polvere in fiamme. Se potessi, prenderei chi stupra l’intelligenza e gli ci affonderei le labbra. Il delirio di onnipotenza degli indifferenti ha segnato i nostri volti. Ci siamo costretti all’ubbidienza per rimediare un pezzo di pane.  Abbiamo tollerato che di nascosto si consumassero le nostre menti. Ed è così che ha vinto. La pochezza del soldo.


La voce che non ho più

No Comments »

Sotto la neve si posa un mondo nuovo. Scorre di vento, e io mi rifiuto di domare la musica. Le pagine si scrivono, cadono oblique. Vibrano senza luce. Mi addormentano a dispetto della primavera. Sono il colorito pallido di un dito, mi grattano le corde del corpo. Uno sguardo bucato, la rabbia nera di un vestito sdrucito. Il legno che si gonfia d’acqua e non cede. Un pezzo di carta dimenticato sotto la polvere di un libro. La manifesta incapacità di rialzarsi prima che il sole cada. E tutto il tempo che ho consumato. La voce che non ho più.


Un libro disfatto e chiuso

No Comments »

Un acido greve mi divide il petto. Rigurgito, ma non lo consumo. E’ un fiore che non mi abbraccia. Precipita da un’impalcatura rugginosa di noia. L’inconsistenza convulsa di tre mele sul tavolo. Un libro disfatto e chiuso. I colori non si abbinano: è uno scontro di bile corrosa. Non resta che la musica, da sorbire distesi. Un motto leggero che si apre fra pagine consunte. L’incapacità di guardarsi dentro. Una superbia che parte a cavallo, ma torna a piedi. Si gonfia di aria guasta. Un elastico sorregge la finestra, prima o dopo qualcuno lo spezzerà. E a tutti diremo ciao.


Un dardo dell’indignazione

No Comments »

Un accesso d’ira libera l’anima. Scuote corde nascoste, è sabbia e vento. Respinge in un soffio l’attesa irrequieta di sempre. Un dardo dell’indignazione. Consola con la leggerezza, con la consapevolezza che non abbia alternativa. Poco importa dei cocci che resteranno a terra. Li abbiamo sempre raccolti. Valgono per tutte le volte in cui abbiamo subito, ci siamo inginocchiati sull’ignoranza. Ad una superba supponenza. Ci regala un dolce isolamento, la vicinanza impossibile con chi un tempo già litigammo. Il bisogno di ristabilire un rapporto a partire da basi nuove. O cessarlo del tutto. E finché la fiamma brucia, non giova spegnerla.


Parlare pareva impossibile

No Comments »

La sabbia rovinava dall’alto. L’antica miniera sembrava mare, grotta arsa dai venti. I piedi scivolavano colmi di dubbi, lordi di pirite. Le stanze si accumulavano su un ciglio ombreggiato. Il clamore dei saggi cicaleggiava su poltrone di pietra. Di tanto in tanto, un corpo calava dall’alto: si immergeva esausto in una pozza ribollente d’oro. Dalla cima dell’erta io non sentivo il vento, trascinavo sulle spalle un molle asse di legno. Non so perché davvero non caddi: la paura paralizzava ogni gesto. Parlare pareva impossibile. Probabilmente restai semplicemente seduto a contemplare una vuota architettura. Una riviera liberty, su uno strapiombo mediterraneo.


Uccidersi

No Comments »

Le tracce del neorealismo vanno cercate nei Balcani. La povertà sospesa di una nazione dissolta. Il sangue prepotente dei padroni di casa. Gli scarponi chiodati di gomma e metallo. Gli attori immobili di una guerra civile non dichiarata. Il denaro passato di mano, inconsapevolemente. Cataste di libri richiamano i doveri traditi. Il tempo perduto senza conoscere: il triste elenco dei morti, i volti e le voci dei generali. La spietatezza del campo, la crudeltà stessa dei bambini. Un immenso nugolo di macerie sotto il quale ci chiedevano di recitare. Il nostro oblio. Delle cose non dette la più difficile. Uccidersi.

#Torino - Presagio di un Paese in fiamme.

->Presagio di un Paese in fiamme<-