Continuerò a seguirla

Mi invade di certezza, mentre mi risollevo da un autobus perso. Ha capelli raccolti. Esplode in un sorriso delicato. Con sguardo dispettosamente felice arriccia le labbra in segno di sfida. Si illumina ad una mia parola. La inseguo pigiato fra persone distratte. Comunichiamo sospesi. Sono parole mute sovrapposte al parlato. Sfioriamo fili d’erba irregolarmente uguali. Attraversiamo boschi di pietra sotto cieli soffocati. Dormiamo in tende rugginose. Accarezziamo l’idea immonda di un futuro possibile. Ciò che lo impedisce lo rende perfetto. Le do un improbabile appuntamento nel vuoto. L’anima di Bulgakov regna nel deserto incolmato dei nostri sogni. Continuerò a seguirla.